Ospitalità per le famiglie dei bambini ricoverati al Gaslini di Genova

AMRI Onlus

PICCOLO FRATELLO
  • Scuola
  • Sanita
  • Assistenza
  • Ricerca
  • Diritti
bambini aiutati 450
  • Finanziato
  • In corso
  • Realizzato
10.000€ Contributo della Fondazione

Obiettivo. Dare accoglienza nei 5 appartamenti nelle vicinanze del Gaslini e supportare le famiglie durante il ricovero ospedaliero dei figli.

Ogni anno migliaia di persone arrivano all’Ospedale pedriatrico Gaslini di Genova nella speranza di trovare la cura per i loro bambini. Le opportunità di ospitalità sul territorio sono scarse e costose, i ricoveri possono durare settimane e anche mesi.


I numerosi ricoveri e le visite continue dovute alla gravità delle malattie finiscono per gravare pesantemente anche da un punto di vista economico sulle famiglie, per le quali risulta sempre più essenziale poter disporre di un luogo dove sentirsi ‘a casa’ senza dover affrontare spese insostenibili e nelle immediate vicinanze dell’ospedale.


Amri gestisce 5 appartamenti affittati nelle vicinanze dell’ospedale per ospitare e supportare le famiglie nella loro permanenza. Il servizio è offerto tutti i giorni ed è possibile accogliere contemporaneamente fino a 11 nuclei familiari.


Il progetto prevede la gestione di questi appartamenti per ospitare quei genitori che, dovendo sostare per un lungo periodo in ospedale, evitano la ricerca di un alloggio non sempre adeguato e generalmente assai costoso.


I nostri appartamenti sono occupati senza soluzione di continuità per tutto l’anno compreso i periodi di festività tradizionale (Pasqua, Ferragosto e Natale) grazie ai volontari che si prodigano affinchè gli ospiti possano usufruire in maniera ottimale degli alloggi.


Dal 2007 Fondazione Mediolanum Onlus sostiene Amri: grazie a questo contributo l’associazione sostiene la spesa annuale necessaria per l’affitto di 1 dei 5 appartamenti a disposizione delle famiglie dei piccoli pazienti ricoverati presso l’Istituto Gaslini di Genova.


Dal 2012 la Fondazione ha erogato complessivamente 50.000 euro che hanno permesso alle famiglie di oltre 2000 bambini di vivere più serenamente il periodo del ricovero ospedaliero.