La Navetta della Solidarietà

BANCO ALIMENTARE

PICCOLO FRATELLO
  • Scuola
  • Sanita
  • Assistenza
  • Ricerca
  • Diritti
bambini aiutati 2079
  • Finanziato
  • In corso
  • Realizzato
40000€ Contributo della Fondazione

Obiettivo. Acquisto di un furgone coibentato per incrementare l’assistenza alimentare di uomini, donne, adolescenti e bambini in stato di necessità, nel territorio del comune di Milano e hinterland.

La flotta dei furgoni Siticibo a Milano è composta da 3 furgoni che hanno negli ultimi 13 anni percorso 12 volte la circonferenza della terra, raccogliendo dalle mense aziendali ospedaliere cibo cotto e dalle scuole pubbliche della città pane e frutta. È “cibo in viaggio” che aggiunge al valore intrinseco del cibo un significato ancor maggiore, quando raggiunge la destinazione: le persone in stato di bisogno.


Il progetto, attraverso l’acquisto di un furgone coibentato, mira a contribuire a migliorare e quanto più incrementare l’assistenza alimentare di uomini, donne, adolescenti e bambini in stato di necessità, nel territorio del comune di Milano e hinterland, attraverso il sostegno ad enti caritativi locali.


Siticibo, grazie alla capillare rete di distribuzione su 80 strutture Caritative riesce a dare assistenza alimentare a circa 15.000 persone.


Sono 38 le realtà che assistiamo, che si fanno carico di bambini e adolescenti e giovani, nelle fasce dagli 0 ai 17 anni, ad essi in special modo rivolgiamo il nostro aiuto.


Nonostante l’apparente benessere, spesso per molti bambini in età scolare l’unico pasto equilibrato, se non proprio l’unico pasto, è quello che assumono durante la permanenza a scuola con il servizio di refezione scolastica; inoltre le strutture caritative che assistono bambini, adolescenti e giovani, sempre più spesso in difficoltà economiche, mancano delle risorse per una adeguata alimentazione.


A fronte di tutto ciò, sempre più persone si rivolgono a mense dei poveri o a strutture caritative assistenziali. Nelle grandi città come Milano la povertà si presenta come fenomeno costituito soprattutto da anziani, soli o in coppia e da famiglie con più figli.


Le famiglie che più facilmente si ritrovano in situazione di povertà sono quelle mono-genitoriali (separati, divorziati) con figli minori a carico.


Una delle povertà emergenti è quella dei padri separati, unici percettori di reddito che, al netto degli alimenti da riconoscere ai figli, si ritrovano con una disponibilità economica inferiore alla sussistenza. L’attuale crisi economica rende ancora più grave questa situazione, portando spesso sotto la soglia di povertà anche le persone che perdono il lavoro o a cui non viene rinnovato il contratto di lavoro (Istat 2014).