Haiti: pesci per nutrire, lavoro per crescere

Fondazione Francesca Rava NPH Italia Onlus

PICCOLO FRATELLO
  • Scuola
  • Sanita
  • Assistenza
  • Ricerca
  • Diritti
bambini aiutati 50000
  • Finanziato
  • In corso
  • Realizzato
30.000€ Contributo della Fondazione

Obiettivo. Realizzare due allevamenti di pesci tilapia per sfamare e dare il corretto apporto proteico agli 800 bambini delle Case orfanotrofio NPH e a migliaia di piccoli pazienti dell’Ospedale Saint Damien.

CONTESTO


Da 30 anni Fondazione Francesca Rava, sotto la guida del medico in prima linea Padre Rick Frechette, opera in Haiti, paese del quarto mondo, dove ha realizzato l’Ospedale pediatrico St Damien, unico sull’isola, che assiste 80.000 bambini l’anno e include tra gli altri un programma specifico di recupero dalla malnutrizione.


Ogni giorno cure mediche, istruzione e un pasto caldo vengono dati a 10.000 bambini nelle nostre scuole di strada, 800 bambini orfani e abbandonati vivono nelle nostre case orfanotrofio, riabilitazione e fisioterapia viene data a 25.000 bambini disabili ogni anno, inoltre a 100 famiglie della baraccopoli viene data una casa al posto di baracche di lamiera.


È stato creato un centro produttivo e di formazione professionale, Francisville città dei mestieri dove si insegna ai ragazzi haitiani un mestiere producendo pane, pasta e burro di arachidi che vengono distribuiti ai bambini più poveri e alle loro famiglie, creando circuiti virtuosi di autosostenibilità. Questi progetti vengono replicati nel territorio, con panetterie mobili che portano direttamente pane, lavoro e formazione professionale nelle zone più povere, per dare subito nutrimento essenziale ai bambini e creare concreta speranza per il futuro.


PROGETTO


Il progetto “Haiti, pesci per nutrire, lavoro per crescere” ha come obiettivo la realizzazione di un allevamento di pesci tilapia a produzione controllata, nei pressi dell’ospedale St Damien e successivamente in un’area degradata come quella di Cité Soleil, per garantire un pasto ricco di proteine ai bambini dei nostri orfanotrofi e nell’ospedale pediatrico ed in generale in Haiti, dove una delle prime cause di malattie infantili è la malnutrizione.


L’allevamento è molto importante perché la pesca in mare è ridotta per l’alto tasso di inquinamento marino e la mancanza di risorse. Il progetto rientra nell’ambito del progetto Francisville e servirà anche a insegnare un mestiere ai ragazzi che escono dalle scuole di strada e dai nostri orfanotrofi e a creare nuovi posti di lavoro.


Il 100% della produzione sarà venduta, pertanto il progetto sarà auto sostenibile: 40 donne riceveranno pesce da vendere nelle strade quale piccola attività di social business (come forma di microcredito). Parte della produzione sarà venduta ad altre organizzazioni umanitarie sul territorio; parte alle strutture di assistenza della stessa NPH (Case orfanotrofi, ospedale S. Damien) creando così un meccanismo virtuoso per cui le donazioni a sostegno dei bambini ivi accolti avranno duplice beneficio, che non avrebbero se il pesce fosse acquistato all’esterno (sfamare i bambini, dare lavoro); le stesse strutture potranno comprare pesce di qualità sicura per i bambini a un prezzo più vantaggioso e costante rispetto a quello sul mercato.


La progettazione e la consulenza del progetto sono state offerte gratuitamente dai tecnici professionisti volontari che hanno realizzato nella nostra casa orfanotrofio N.P.H. in Messico l’allevamento di tilapia nel 1980. La seconda fase del progetto prevede di estendere e riprodurre la prima unità pilota anche a Cité Soleil o altra zona degradata dell’isola ove Padre Rick e il suo team già opera per creare una fonte di auto sostentamento per le famiglie creando posti di lavoro.